Pensieri suicidi: segnali, cause e trattamento

Uomo appoggiato ad un albero

L’isolamento sociale e il sentirsi molto soli, intrappolati e senza speranza sono alcuni dei segnali di allarme più comuni che potrebbero portare qualcuno ad avere pensieri suicidi. Ogni anno solo negli Stati Uniti ci sono più di 40.000 suicidi e molti altri tentativi parziali. Milioni di familiari, amici, insegnanti e terapisti rimangono inebetiti di fronte a tali azioni suicide, chiedendosi cosa avrebbero potuto fare per prevenirli.

Alcuni rapporti mostrano che centinaia di migliaia di persone tentano il suicidio ogni anno, la maggior parte delle quali soffre di depressione, ma potrebbe non essere mai stata diagnosticata loro. Si stima che dal 25 al 35 % di tutti i suicidi siano dovuti direttamente alla depressione. Sebbene non tutti i soggetti depressi abbiano pensieri suicidi, quando la depressione diventa grave e non viene trattata, è possibile che si possa arrivare a questo punto.

Dato che un’alta percentuale di persone che tentano il suicidio e che potrebbero anche essere depresse e comunemente manifestano altri problemi comportamentali (come avere un’alta dose di ansia o problemi con l’abuso di sostanze), alcuni segnali di avvertimento sono solitamente evidenti prima di un suicidio. Conoscere i comuni segnali di avvertimento di pensieri suicidi, insieme ad altri sintomi di depressione maggiore, può aiutare a prevenire episodi di suicidio in qualcuno che è a rischio.

Quali sono i pensieri suicidi?

Donna e uomo che bevono

I pensieri suicidi implicano la contemplazione di prendere la propria vita, di solito insieme a sperimentare altri sintomi di depressione o cambiamenti comportamentali. Per molti che hanno pensieri suicidi, la depressione risulta come una reazione a un trauma o a una serie di tragici eventi della vita. È stato anche scoperto che l’abuso di droghe e alcol può peggiorare la depressione e rendere più probabile il suicidio. Un ampio studio che ha coinvolto più di 43.000 persone negli Stati Uniti ha rilevato che tra coloro che erano più depressi, circa il 20 % aveva anche problemi di abuso di sostanze, come droghe illegali e alcol.

Un’altra scoperta sorprendente è che un’alta percentuale di persone con depressione grave che potrebbero essere a rischio di suicidio mostrano anche sintomi di altre malattie che potrebbero non essere correlate ai cambiamenti dell’umore. Questi includono avere ulcere allo stomaco, IBS, disturbi del linguaggio, artrite e problemi della pelle, che come la depressione o altri problemi di salute mentale sono in realtà radicati in elevate quantità di stress e infiammazione.

A volte avere una malattia grave, come un disturbo cognitivo o un cancro, per esempio, o anche un’età molto avanzata può portare a depressione e possibilmente a un comportamento suicidario. E sfortunatamente, è un circolo vizioso perché più qualcuno è depresso e stressato, di solito più la salute generale di quella persona continua a diminuire.

Sintomi e segnali di avvertimento che qualcuno sta avendo pensieri suicidi

Molti pazienti con depressione maggiore hanno la percezione di essere totalmente soli, non c’è nessuno ad ascoltarli o capire i loro problemi, e che è impossibile trovare la strada per tornare ad essere felici.

È stato scoperto che la maggior parte delle persone che hanno tentato il suicidio o che hanno riferito di aver avuto pensieri suicidi in passato hanno i seguenti sintomi e segni in comune:

  • Sentirsi depresso o estremamente disperato e triste.

  • Non avere alcuna speranza che le cose miglioreranno in futuro, sentirsi “intrappolati” e avere l’impressione che il trattamento non funzionerà mai.

  • Sentirsi molto isolato e solo. Anche i pazienti depressi che hanno famiglia e / o amici molto solidali e preoccupati possono sentirsi in questo modo.

  • Sensazione di ansia, nevrosi, agitazione e disagio. Ciò può causare un aumento dei sintomi di ansia come battito cardiaco accelerato, sudorazione, spasmi o stimolazione, riduzione dell’appetito e disturbi del sonno.

  • Avere sbalzi d’umore e cambiamenti nel proprio contegno. Questo è un segno di disturbo bipolare / depressione maniacale in cui i pazienti fluttuano da stati d’animo maniacali al sentirsi molto energici e persino felici.

  • Sentirsi molto affaticati, disinteressati a cose che normalmente sono divertenti. Alcuni pazienti con depressione hanno anche dolori muscolari e debolezza.

  • Aumentare l’uso di alcol, droghe o pillole da prescrizione, a volte fino al punto di mostrare segni di dipendenza.

Uomo disperato

La Fondazione americana per la prevenzione del suicidio afferma che specifici segnali di allarme che i pensieri di suicidio potrebbero essere nella mente di qualcuno, e quindi che si dovrebbe intervenire subito, includono:

  • Mostrando segni di rabbia, estrema aggressività o violenza.

  • Abusare improvvisamente di alcol, droghe o pillole da prescrizione.

  • Mostrare attivamente segni di vendetta contro qualcun altro.

  • Prendere decisioni spericolate, improvvise e rischiose.

  • Minacciare o parlare di voler uccidere e / o ferirsi.

  • Alla ricerca di modi per ferire o uccidere se stessi, come cercare l’accesso a cose come pillole, un’arma da fuoco o coltello.

  • Scrivere, fare arte, cantare o mostrare altri modi di esprimere pensieri sulla morte.

  • Connettersi su Internet con altri che hanno avuto pensieri suicidi, come partecipare a discussioni sui blog o parlare di suicidio attraverso piattaforme di social media.

Fattori di rischio per il suicidio e le cause di depressione sottostanti

Siringa e pillole

Quali tipi di circostanze e fattori dello stile di vita potrebbero mettere qualcuno a rischio maggiore di avere pensieri suicidari o depressione maggiore? Se qualcuno attualmente lotta con un altro disturbo psichiatrico o ha tentato il suicidio in passato, quella persona è nella categoria ad alto rischio. Secondo i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, alcuni altri fattori di rischio che inducono ad avere pensieri suicidi sono:

  • Una storia di depressione, ansia o un’altra malattia mentale come la schizofrenia, disturbo da stress post-traumatico, un disturbo alimentare, disturbo di personalità o disturbo bipolare.

  • Una storia familiare di depressione, soprattutto, se la depressione è stata grave e ha provocato tentativi di suicidio. È stato scoperto che a causa di cambiamenti neurologici e squilibri ormonali, sembra esserci un legame genetico col suicidio.

  • Abusare di droghe, pillole o alcol.

  • Sperimentare un evento o un trauma molto stressante. Ciò può includere la perdita di una persona cara, l’abuso, la morte, il servizio militare, gravi problemi finanziari o legali.

  • Hanno una condizione di salute mentale che influisce sull’umore, compresi i disturbi cognitivi come il morbo di Parkinson, il dolore cronico o le malattie terminali che scatenano la disperazione.

  • Sentirsi alienati e non trovare soddisfazione nel proprio lavoro, relazioni, attività di vita, comunità o hobby.

  • Sentirsi fraintesi forse a causa di ragioni finanziarie, essere disabile o essere una persona lesbica, gay, bisessuale o transgender con una famiglia.

Trattamento convenzionale per pensieri suicidari e depressione maggiore

La depressione grave e i tentativi di suicidio sono solitamente trattati con una combinazione di farmaci e terapia. Non tutti i pazienti richiedono però l’uso di farmaci per superare i loro sintomi legati ai cambiamenti dell’umore, che normalmente includono inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina, come Celexa, Lexapro, Luvox, Paxil, Pexeva, Prozac, Sarafem o Zoloft. Solitamente il farmaco non è l’unico trattamento utilizzato per i pazienti depressi, tuttavia, poiché spesso non risolve tutti i problemi psicologici sottostanti del paziente, i farmaci possono smettere di funzionare nel tempo e le prescrizioni possono anche comportare molti effetti collaterali.

Gli esperti ritengono che molti pazienti suicidi abbiano una migliore possibilità di riprendersi dai loro problemi di salute mentale se almeno inizialmente usano i farmaci durante la terapia. Uno svantaggio è che si è visto che la prescrizione di farmaci anti-ansia e antidepressivi, insieme ad altri farmaci psicotropi, a volte può causare una serie di effetti collaterali come dipendenza, variazioni di peso, problemi di vista, affaticamento, vertigini, indigestione e disfunzione sessuale.

Fonte:https://draxe.com/suicidal-thoughts/