Cos’è il disturbo ossessivo-compulsivo?

volto di donna sdoppiato

Spesso la frase “non essere così ossessivo” viene usata nella conversazione di tutti i giorni, ma molti dimenticano che si tratta di un disturbo grave che colpisce molte persone. Circa il 2-3% della popolazione adulta negli Stati Uniti ha un disturbo ossessivo-compulsivo (OCD), un disturbo d’ansia caratterizzato da paure, ossessioni e convinzioni indesiderate che guidano i comportamenti compulsivi. Cosa distingue l’OCD dall’avere normali “abitudini” o rituali? Generalmente una perdita di controllo e ossessività, che porta a comportamenti ripetuti e irrazionali (chiamate compulsioni ). Il disturbo ossessivo-compulsivo è un disturbo comune che colpisce sia gli adulti che i bambini / adolescenti, di solito diagnosticato intorno ai 19 anni e che dura per anni se non viene curato.

Le stime mostrano che meno del 10% di coloro che soffrono di disturbo ossessivo compulsivo sono attualmente in cura, e molti aspetteranno decenni senza dire a nessuno dei loro sintomi, nascondendoli ai familiari e amici. Molte persone con esperienza di OCD hanno pensieri indesiderati, immagini mentali e “voci nella loro testa” che gli suggeriscono di agire seguendo certe compulsioni, altrimenti succederà qualcosa di brutto.

Le persone con disturbo ossessivo compulsivo sono spesso paurose e poca felici. Infatti, le persone che soffrono di disturbo ossessivo compulsivo hanno molte più probabilità di avere depressione e ansia generale, dipendenze e altri tipi di problemi mentali.

Una compulsione è considerata un tipo di rituale guidato da qualsiasi tipo di ossessione, ad esempio, l’obbligo di controllare continuamente le cose in casa, completare le attività in un certo ordine o mantenere un certo livello di pulizia non necessaria. La ragione di fondo che porta ad assecondare le proprie compulsioni è che forniscono un temporaneo senso di sollievo e rassicurazione di fronte all’ansia. Questa è la stessa ragione per cui adulti e bambini più sani stabiliscono routine e hanno abitudini in generale: sono prevedibili e, quindi, si sentono al sicuro.

La ricerca mostra che un’alta percentuale di persone con disturbo ossessivo compulsivo ha problemi significativi nella vita quotidiana, tra cui sentirsi isolati e tagliati fuori dalle relazioni (un vero problema, considerando che le relazioni sono il contributo principale di ciò che ci rende felici). Molti hanno anche difficoltà a mantenere un lavoro stabile e perdono persino il controllo delle loro abilità motorie (come sbattere ripetutamente le palpebre, parlare o grugnire e spostare parti del corpo come il viso, il collo o le spalle). Fortunatamente, approcci di trattamento naturale come la terapia CBT, una pratica di meditazione e vari cambiamenti nello stile di vita possono avere un enorme impatto.

I più comuni sintomi di DOC

Donna tormentata

Il DOC può colpire tutte le fasce d’età, tutti i gruppi etnici e uomini e donne. Nei bambini, l’OCD sembra prevalere maggiormente nei maschi e di solito viene diagnosticato prima rispetto alle ragazze (l’età media di esordio è tipicamente riportata come 6-15 anni per i maschi e 20-29 anni per le femmine). Seconda la ricerca la metà di tutti i malati scopre che il proprio DOC ha le sue radici nell’infanzia. La maggior parte delle persone con disturbo ossessivo compulsivo inizia a mostrare segni e sintomi premonitori da adolescente o in età adulta, e il disturbo viene diagnosticato quasi sempre prima dei 40 anni.

Secondo l’Association of Anxiety and Depression of America, i sintomi del disturbo ossessivo compulsivo includono comunemente:  

  • pensiero ossessivo, anche chiamato “ruminare”: questo di solito comporta avere pensieri ripetuti e impulsi che sono molto difficili da fermare o ignorare

  • una perdita di controllo su comportamenti e pensieri, specialmente in situazioni non familiari

  • ansia estrema quando i rituali / compulsioni non vengono eseguiti

  • avendo ripetuto immagini mentali che causano ansia

  • paure irrazionali su germi, malattie e contaminazione

  • sentimenti di aggressività, paura e perdita di controllo

  • forti avversioni o sentimenti contro “tabù” come sesso, religione, violenza

  • bisogno di avere le cose in un certo ordine, luogo, modello o quantità

  • pulizia eccessiva

  • la necessità di continuare a controllare continuamente qualsiasi cosa  

schemi

I sintomi del disturbo ossessivo-compulsivo possono essere suddivisi in due gruppi: le ossessioni (come i pensieri e le paure elencate sopra) e le compulsioni che guidano. Ossessioni e compulsioni interagiscono da quando il comportamento compulsivo è un modo per contrastare l’ ansia causata dall’ossessione.

Effettuare le compulsioni di solito non porta alla felicità come si potrebbe pensare. La International OCD Foundation spiega che le compulsioni sono diverse dalle abitudini o rituali ordinari:

  • sono fuori controllo e non sempre dipendono da una  ” scelta”

  • la persona potrebbe riconoscere che i propri pensieri o comportamenti sono irrazionali ma continuare ad assecondarli ugualmente

  • di solito almeno un’ora al giorno viene spesa per comportamenti compulsivi

  • mentre avere una routine può essere produttiva, piacevole e benefica, le compulsioni di solito non portano alcuna fonte di piacere; al contrario, riducono temporaneamente l’ansia, ma contribuiscono a lungo termine a reiterare paure e ossessioni

Alcuni ricercatori categorizzano le persone con DOC in diversi sottogruppi in base alle loro compulsioni ricorrenti:

  • quelli che temono la contaminazione, i germi e diventano sporchi o malati

  • quelli che temono fortemente di essere rifiutati, biasimati o ridicolizzati dagli altri

  • quelli che temono di essere danneggiati dai pericoli, come da incendi, ladri, animali, ecc.

  • quelli che tendono a fissarsi sui numeri e hanno bisogno di contare le cose più e più volte

  • quelli che si fissano su ordine, simmetria ed equilibrio

Che cosa causa il disturbo ossessivo-compulsivo?

Come altri disturbi psicologici come la depressione o l’ansia, si ritiene che il disturbo ossessivo-compulsivo sia causato da una combinazione di fattori correlati sia alla “natura che alla cura”. In altre parole, una persona con DOC ha probabilmente un certo grado di predisposizione genetica a schemi di pensiero anormali, ma è probabile che anche il loro disturbo sia innescato dall’educazione e dall’ambiente.

Sebbene la causa esatta del disturbo ossessivo compulsivo non si conosca, molti ricercatori ritengono che uno squilibrio chimico / ormonale nel cervello abbia un ruolo nello sviluppo del disturbo ossessivo compulsivo, sebbene non sia ancora chiaro quale sia il primo: il disturbo stesso o lo squilibrio chimico. Quando le persone che soffrono di DOC prendono farmaci che alterano determinati aspetti della chimica del loro cervello, in particolare i livelli di due neurotrasmettitori chiamati serotonina e vaopressina, alcuni sono in grado di trovare sollievo dai sintomi. Ciò suggerisce che la serotonina e la vasopressina svolgono un ruolo importante nella regolazione dell’umore e del comportamento e che gli squilibri ormonali possono scatenare l’ansia. È generalmente accettato che l’OCD sia causato da una combinazione di genetica, struttura e funzionamento anomalo del cervello e esperienze e ambiente di vita:

Genetica: Sebbene avere un parente con OCD non significhi necessariamente che svilupperai il disturbo stesso, molti studi sulle famiglie hanno dimostrato che le persone con parenti di primo grado affetti da questo disturbo (come un genitore, un fratello o un figlio) hanno un rischio più elevato di sviluppare un disturbo ossessivo compulsivo rispetto a quelle senza una storia di familiare di tale disturbo.

genetica

  • Struttura e funzionamento del cervello: i  ricercatori della Yale University spiegano che molto recentemente nuovi modi di utilizzare le scansioni cerebrali, effettuate con risonanza magnetica per misurare come diverse parti del cervello sono funzionalmente connesse l’una all’altra, hanno rivelato modelli di anormalità nel cervello dell’OCD. All’interno del cervello, ci sono due parti più legate a credenze basate sulla paura chiamate gangli della base e il talamo. Una connessione / circuito scorre dalla parte anteriore del cervello ai gangli della base, quindi al talamo, e quindi di nuovo in avanti. Gli adulti sani hanno un meccanismo incorporato che si svolge durante questo circuito cerebrale che agisce come un “filtro” interno, aiutando a distinguere eventi / pensieri non consueti da paure reali e razionali. Nelle persone con disturbo ossessivo compulsivo, questo filtro sembra essere malfunzionante, quindi sono molto più influenzati dalle minacce percepite o dai pensieri spaventosi. Perché si sviluppa questa rottura nei normali circuiti cerebrali? Alcuni ricercatori ipotizzano che una combinazione di genetica, infiammazione all’interno del cervello e le esperienze ansiogene (specialmente in giovane età) contribuiscono all’elaborazione anormale del cervello che porta al DOC. Le tecniche terapeutiche che interrompono i pensieri basati sulla paura, fanno luce sulle compulsioni e riducono l’ansia, aiutando a ripristinare il normale circuito cerebrale descritto sopra e, quindi, riducono la necessità di compulsioni. Raramente, un altro fattore che influenza anche il funzionamento e la struttura del cervello è una storia di infezioni, specialmente durante l’infanzia (come i Disturbi neuropsichiatrici autoimmuni pediatrici e le infezioni da streptococco).

Foglio strappato sul quale è raffigurata una famiglia

  • Esperienze / Ambiente: le persone che hanno una storia di traumi e esperienze infantili difficili (come divorzio, abuso, abbandono o decessi familiari) sono a maggior rischio di sviluppare DOC in confronto a quelli che non lo fanno. Questi eventi sembrano alterare i modelli del cervello e possono persino modellarne la struttura fisica grazie alla ” neuroplasticità ” , il che significa che i pensieri ricorrenti finiscono per formare cambiamenti cerebrali fisici che aumentano la probabilità che questi pensieri si ripetano in futuro.

Fonte:https://draxe.com/obsessive-compulsive-disorder/