Cos’è l’ansia?

Persona seduta con le braccia raccolte intorno alle gambe

L’ansia può essere una condizione invalidante accompagnata da stress a lungo termine e un calo della salute generale, e può andare ad alimentare molte malattie croniche, anche se esse sono trattate con farmaci convenzionali. L’ansia può colpire persone di tutte le età, con una prevalenza tra il 4,3 e il 5,9 %. Inoltre, il 40-60 % delle persone con ansia ha sintomi di depressione, che la rendono una condizione ancora più grave e difficile da trattare correttamente. La ricerca dimostra che le persone con ansia non riescono a raggiungere la remissione a breve o lungo termine, con tassi che rimangono fino al 38% dopo cinque anni. La buona notizia è che ci sono molti rimedi naturali per l’ansia che sono sicuri e non causano effetti collaterali negativi come tanti farmaci anti-ansia.

Seguendo una dieta equilibrata e ben bilanciata contenente nutrienti importanti come vitamine del gruppo B, magnesio e Omega-3 e l’uso di oli essenziali per l’ansia, noterai un’immediata differenza nel tuo umore, nei livelli di energia e nel modo di dormire. Inoltre, ci sono molti supplementi e cambiamenti nello stile di vita che servono come rimedi naturali per l’ansia.

Cause e sintomi comuni dell’ansia

Fumetto con punto di domanda

L’ansia è una normale risposta allo stress. È anche la condizione di salute mentale più diffusa. L’ansia diventa problematica quando è costante o in reazione a circostanze inappropriate, che nel tempo possono influenzare negativamente la vita di tutti i giorni.

In realtà, ci sono un certo numero di disturbi d’ansia, tra cui disturbo d’ansia generalizzato, disturbo ossessivo-compulsivo, disturbo d’ansia sociale e disturbo del panico.

Le cause scatenanti di ansia sono:

  • stress

  • esperienze di vita traumatiche

  • problemi alla tiroide

  • serotonina disfunzionale

  • alcool eccessivo

  • assunzione di caffeina o zucchero

  • squilibrio ormonale

Inoltre, la ricerca dimostra che i fattori di rischio per i disturbi d’ansia includono l’essere donne, sperimentare eventi di vita stressanti nell’infanzia e nell’età adulta, avere una storia familiare di disturbi mentali, avere risorse economiche limitate ed essere timidi durante l’infanzia.

Sebbene l’ansia sia caratterizzata da eccessiva preoccupazione e tensione, altri sintomi fisici e psicologici di ansia includono:

  • tensione muscolare

  • oppressione toracica

  • palpitazioni

  • alta pressione sanguigna

  • insonnia

  • problemi digestivi

  • attacchi di panico

  • irritabilità

  • difficoltà di concentrazione

  • irrequietezza

  • sudorazione

  • ansia

  • incapacità di socializzare

Trattamento convenzionale per l’ansia

Barattolo da cui fuoriescono pillole

Tipicamente, l’ansia è trattata con una combinazione di farmaci psicotropi e terapia cognitivo comportamentale. Gli interventi farmacologici per l’ansia includono:

  • Inibitori del reuptake della serotonina e norepinefrina (SNRI): gli SNRI sono usati per trattare l’ansia, la depressione, il disturbo del panico, la fibromialgia e il mal di schiena. Funzionano bloccando o ritardando la ricaptazione di serotonina e norepinefrina, che aiuta a migliorare il tuo umore. Effetti indesiderati comuni di questi farmaci comprendono vertigini, nausea, perdita di appetito, problemi sessuali, stitichezza, perdita di peso, insonnia, mal di testa, secchezza delle fauci e agitazione.

  • Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI): gli SSRI sono usati per correggere i bassi livelli di serotonina nel cervello. Gli SSRI sono usati per trattare i disturbi d’ansia e la depressione. Possibili effetti collaterali di questi farmaci includono sonnolenza, nausea, diarrea, mal di testa, problemi sessuali, agitazione, vertigini, secchezza delle fauci, insonnia e vista offuscata. In effetti, la ricerca mostra che circa il 30-50 % dei pazienti con SSRI sperimenta questo tipo di effetti collaterali lievi.

  • Benzodiazepine: le benzodiazepine sono utilizzate per potenziare l’effetto del GABA, un neurotrasmettitore che riduce l’attività dei neuroni che causano ansia. I farmaci a base di benzodiazepine sono usati per trattare l’ansia, l’insonnia, l’astinenza da alcol e le convulsioni (a causa delle loro proprietà anticonvulsive). I tipi più popolari di benzodiazepine includono Xanax, Valium, Librium e Tranxene. Questi farmaci producono effetti collaterali come vertigini, mal di testa, vista offuscata, sudorazione, disturbi del sonno, coordinazione alterata, confusione e un aumento del rischio di caduta nei pazienti anziani.

Fonte: https://draxe.com/natural-remedies-anxiety/