Come combattere l’ansia in modo naturale

Dieta

Anguria e frutti di bosco

1. Segui una dieta ben bilanciata

Diversi studi dimostrano che esiste una connessione tra le scelte dietetiche e la psicologia, la fisiologia e il comportamento. Le scelte dietetiche influenzano una persona dalla nascita alla vita adulta. Consumare troppe o troppo poche calorie può aumentare i sintomi di ansia e altri disturbi psicologici o emotivi. Inoltre, una dieta povera può portare a molti sintomi di ansia, tra cui malumore, affaticamento e livelli anormali di zucchero nel sangue che causano nervosismo. Una dieta povera può anche portare ad un aumento di peso. E questo può influire sull’immagine del tuo corpo e creare in te sentimenti di inutilità e insicurezza. Mangiare cibi anti-infiammatori può essere un rimedio naturale per l’ansia, perché sono importanti per i neurotrasmettitori che sintetizzano e bilanciano il tuo umore e la risposta allo stress. Inoltre, è anche importante mangiare grassi sani, carboidrati non raffinati e proteine ​​magre. Per migliorare i sintomi dell’ansia, assicurati di mangiare alimenti contenenenti vitamine del gruppo B, ricchi di magnesio, calcio e Omega-3.

  • pesce (come salmone, sgombro, tonno, pesce bianco e aringa)

  • manzo nutrito con erba

  • pollo biologico

  • uova

  • yogurt o kefir

  • verdure a foglia verde (come spinaci, cavoli, bietole e cavolo )

  • verdure fresche (come sedano, bok choy, broccoli, barbabietole e carciofi)

  • frutta fresca (come mirtilli, ananas, banana e fichi)

  • verdure di mare

  • grassi sani (come avocado, olio di cocco e olio d’oliva)

  • fagioli (come fagioli neri, fagioli adzuki , ceci e fave)

  • legumi (come lenticchie e piselli)

  • noci (come noci, mandorle e anacardi)

  • semi (compresi semi di lino, semi di chia, semi di canapa e semi di zucca)

  • grani non raffinati (come farro, quinoa e orzo )

2. Evitare cibi zuccherati e trasformati

Ciambelle

La ricerca mostra che il consumo di alimenti con un alto indice glicemico può contribuire all’ansia e alla depressione. Zuccheri e carboidrati raffinati possono produrre alti e bassi livelli di zucchero nel sangue, aumentando l’ansia, il nervosismo e l’affaticamento. Questi alimenti possono causare sbalzi d’umore e alterare i livelli di energia, rendendo più difficile tenere sotto controllo i sintomi dell’ansia. Contribuiscono anche all’infiammazione e alterano la struttura del cervello e la funzione dei neurotrasmettitori.  Per mantenere i normali livelli di zucchero nel sangue e migliorare i sintomi dell’ansia, stare lontano da cibi raffinati, compresi prodotti da forno (come dolci e biscotti), bevande zuccherate, fast food, cibi fritti, carni lavorate e cereali raffinati (che possono essere trovati nei cereali e pane confezionato).

3. Limitare caffeina e alcol

 Calici di brendy

Troppa caffeina o alcol può aumentare i sintomi dell’ansia come malumore e nervosismo. Uno studio pubblicato dal British Journal of Psychiatry ha rilevato che l’astinenza dall’alcol è associata ad un minor rischio di ansia. Per ridurre l’ansia, evitare completamente l’alcol o limitarne l’assunzione a 1-3 drink a settimana, ma non più di due alla volta. La ricerca mostra anche che consumare troppa caffeina può indurre sintomi di ansia, e le persone con disturbo di panico e ansia sociale sembrano essere particolarmente sensibili agli effetti della caffeina. Limitare il caffè o il tè nero a non più di una tazza al giorno.

Integratori

 Forchette che infilzano pillole

4. Ashwagandha

L’Ashwagandha è un’erba che viene spesso usata come rimedio naturale per l’ansia perché aiuta a stabilizzare la risposta del corpo allo stress. In una revisione sistematica che ha valutato i dati sull’efficacia dell’ashwagandha come trattamento per l’ansia, i ricercatori hanno scoperto che la maggior parte degli studi si concludeva con un miglioramento significativo dei sintomi dell’ansia con la terapia dell’ashwagandha. L’ashwagandha non offre solo sollievo dallo stress. Protegge anche il cervello dalla degenerazione e lavora per migliorare i sintomi dell’ansia distruggendo i radicali liberi che causano danni al cervello e al corpo. La ricerca mostra che l’ashwagandha aiuta a migliorare la concentrazione, ridurre l’affaticamento e combattere l’ansia senza gli effetti collaterali della maggior parte dei farmaci anti-ansia.

5. Radice di Kava

La ricerca mostra che la radice di kava può essere usata per trattare l’ansia perché è un ansiolitico non additivo e non ipnotico. Kava è usato per migliorare l’umore, alleviare l’ansia e aumentare la socievolezza. Funziona stimolando i recettori della dopamina e inducendo euforia. In effetti, uno studio randomizzato controllato condotto in Australia ha scoperto che il kava può essere considerato una terapia di prima linea per il disturbo d’ansia generalizzato e si è dimostrato sicuro per le persone sottoposte a trattamento. E una meta-analisi riportata da Cochrane, che ha coinvolto 7 studi, suggerisce che ci sono effetti significativi con il trattamento con kava dell’ansia con pochi effetti collaterali, che sono tutti considerati miti. Prendi kava sotto la guida del tuo medico, in quanto può interagire con determinati farmaci. Inoltre, non consumare alcolici se stai usando kava e stai attento agli effetti collaterali più comuni, tra cui mal di testa, sonnolenza e diarrea.

6. 5-HTP (5-idrossitriptofano)

La supplementazione con 5-HTP, che è sintetizzato dal triptofano (un amminoacido essenziale che agisce come regolatore dell’umore), può aiutare a trattare una serie di problemi associati all’ansia, compresi disturbi del sonno, malumore e mal di testa. Il 5-HTP aumenta la serotonina, che è un neurotrasmettitore calmante che trasmette segnali tra le cellule nervose e altera le funzioni cerebrali che regolano il tuo umore e i tuoi schemi di sonno. Gli studi dimostrano che la terapia 5-HTP è associata a una significativa riduzione dell’ansia a causa dei suoi effetti calmanti. E’ importante, tuttavia, non prendere 5-HTP insieme ai farmaci anti-ansia o antidepressivi.

7. GABA (acido gamma aminobutirrico)

Il GABA è un amminoacido che è responsabile della diminuzione dell’ansia nel sistema nervoso e aiuta anche a rilassare i muscoli. Viene utilizzato per una serie di condizioni, oltre a alleviare l’ansia, stabilizza la pressione sanguigna, tratta l’ADHD, brucia i grassi e allevia il dolore. GABA è anche un neurotrasmettitore inibitorio che può causare un effetto sedativo, aiuta a regolare le cellule nervose e calma l’ansia. I farmaci anti-ansia, come lo Xanax e il Valium, lavorano per aumentare la quantità di GABA nel cervello. Gli integratori GABA sono disponibili in farmacia. Oppure, un’altra opzione è quella di usare la radice di valeriana, che aumenta naturalmente il livello di GABA del cervello e aiuta a calmare l’ansia.

Fonte: https://draxe.com/natural-remedies-anxiety/